Gruppo Grotte Ariminum CAI RIMINI

Gruppo Speleo di Rimini e Dintorni.....

domenica 21 maggio 2017

Uscita Finale 3° Corso di Introduzione alla Speleologia-Carso Triestino

Quasi tutto il GGA presente all'uscita finale del Corso nel Carso.

Gli Allievi...ormai ex sono stati bravissimi sia su grotta tecnica che pozzo di 80mt.

Le grotte erano la Grotta di Padriciano e la Grotta dell'Elmo.


Grotta dell'Elmo  Clicca qui per tutte le foto.
                             Clicca qui per il rilievo

Grotta di Padriciano   Clicca qui per tutte le foto
                                    Clicca qui per il rilievo




lunedì 8 maggio 2017

2° Uscita 3° Corso di Introduzione alla Speleologia GGA Rimini

Nonostante il meteo incerto abbiamo effettuato la 2° uscita pratica in Grotta del Corso, la meta era il Faggeto Tondo sul Monte Cucco, dopo la prima grotta sui gessi Romagnoli abbiamo inserito una grotta con morfologia diversa,
Presenti all'uscita:
Gianna
Sara F.
Sara M.
Renato
Fabio
Valerio
Bruno
Lorenzo
Andrea

Il solito Sole presente a Pian di Monte

Uno Spaccato del complesso del Monte Cucco con il Faggeto Tondo.


domenica 30 aprile 2017

1° Uscita del 3° Corso di introduzione alla speleologia del GGA "Abisso Fantini"

Bravissimi i partecipanti al Corso,
1° uscita pratica in Grotta, Gessi Romagnoli per l'esattezza Abisso Fantini.

Clicca qui per tutte le foto

martedì 25 aprile 2017

Grotta Plutone Carso Triestino 25 Aprile 2017

La grotta si apre con un imbocco strapiombante al fondo di una bella dolina

La prima esplorazione della grotta risale probabilmente al 1894, quando vi discesero i giovani appartenenti al Circolo Hades, circolo che doveva unirsi nello stesso anno al Club Touristi Triestini.
La discesa nel grande pozzo è una delle più classiche ed infatti la cavità è visitata con notevole frequenza.
Dalla base del pozzo si sviluppa una galleria che in alcuni tratti è molto ripida e che termina in una sala dal suolo fangoso, soggetta ad allagamenti durante periodi piovosi. Lungo il percorso si notano  dei vani riccamente adorni di formazioni calcitiche di notevole bellezza.

Clicca qui per TUTTE LE FOTO

Clicca qui per il RILIEVO


domenica 9 aprile 2017

Uscita Speleo Escursionistica

Grotta per tutti,
Gli Speleo del GGA hanno accompagnato i soci del CAI di Rimini alla Traversata dalla  Grotta del Mezzogiorno con uscita alla Grotta della Beata Vergine.

Grotta con diverse calate che ha impegnato tutto il Gruppo per far si che tutto funzionasse correttamente.

Clicca qui per tutte le FOTO




sabato 1 aprile 2017

Grotta del fiume (Frasassi) 01 Aprile 2017

Ancora una bella Uscita del Gruppo GGA.
Ottenuto l'autorizzazione dal "Parco Naturale Regionale Gola della Rossa e di Frasassi" l'intenzione era quella di arrivare almeno alla Condotta dei Fabrianesi" ma non abbiamo capito bene la strada giusta e abbiamo visitato altre zone.

Clicca qui per vedere TUTTE LE FOTO
Clicca qui per vedere il RILIEVO



domenica 12 marzo 2017

Grotta delle Margherite

Il pozzo d'accesso (P21) si sviluppa su una frattura con direzione NNW-SSE e giunge in una galleria alta 5-6m. Da qui fino al fondo, la cavità è completamente calcificata e riccamente concrezionata.
In direzione N, dopo un breve percorso in leggera discesa, si entra in una cavernetta semicircolare, dal suolo pianeggiante, caratterizzata da lunghe stalattiti (anche più di 2m) e da una colonna alta 6m.
In direzione S, si percorre un lungo pendio inclinato che porta ad una ripida china calcificata alla cui base s'apre il P17 (se si attraversa sopra l'imbocco del P17, in direzione S, si giunge ad un pozzetto cieco, P4, chiuso al fondo da argilla). Questo pozzo si sviluppa lungo una frattura con direzione N-S e giunge in un'ampia caverna, (lunga 14m, larga 4m ed alta 14m). Il suolo è costituito da un notevole deposito di argilla mista a pietrisco. Qui si notano, oltre a magnifiche concrezioni, macrocristalli di calcite ed uno spettacolare "baldacchino" che incombe dalla parete E. Per arrivare sul fondo della cavità si procede in direzione SE e, dopo alcuni metri in discesa si giunge sull'orlo dell'ultimo pozzo (P21). Questo è molto ampio e termina in una vasta caverna (33 X 30m); qui ci sono delle colonne, anche di dimensioni notevoli e, sul pavimento, dei massi calcificati.
In direzione N si risale qualche metro e si giunge in una galleria che scende con lieve pendenza per 12m.
In direzione WQ si procede, invece, in salita, con una pendenza media di 35°, per circa 23m, fino a giungere ad una cavernetta occupata ad W da una frana di pietre ed argilla.
In direzione SSE si scende lungo una ripida china detritica per circa 13m, al termine della quale ci si trova nel punto più profondo della cavità (67m). Qui s'apre un alto ed ampio camino dal quale, in occasione dei lavori d'allargamento della SS202, caddero delle pietre.

NOTA DEL GGCD
Abbiamo denominato questa cavità "Grotta delle Margherite" perché, oltre ad innumerevoli e splendide concrezioni, contiene formazioni uniche, simili a fiori.
La logica raccomandazione di lasciare la grotta intatta potrebbe sembrare inutile. Noi invece lo ribadiamo perché sappiamo che molti non hanno preso coscienza che il patrimonio speleologico è patrimonio comune.



Clicca qui per vedere TUTTE LE FOTO

Clicca qui per vedere il RILIEVO